IBM Millipede, il futuro degli hard disk
Data: Martedì, 15 marzo @ 19:47:55 CET
Argomento: Hard Disk & SSD


Al CeBIT IBM ha presentato una nuova tecnologia di storage in grado di contenere fino a 125GByte di dati sulla superficie di appena 1 pollice quadrato.

Il nuovo prototipo è figlio del progetto Millipede. Si tratta di una tecnologia rivoluzionaria che potrebbe portare una vera e propria svolta nel settore delle periferiche di archiviazione di massa. Sarebbe possibile memorizzare fino a 1000 Gbit (125 GB) ino uno spazio grande quanto un francobollo.
Il prototipo è basato sulla tecnologia MEMS (Micro Electrical Mechanical System), una nuova tecnica che consente di superare i limite dei tradizionali sistemi produttivi a semiconduttore. La tecnologia MEMS consente infatti di creare delle strutture a semiconduttore sospese, realizzando così i più disparati tipi di dispositivi. Il progetto è chiamato Millipede perchè il sistema utilizza fino a 4000 "tips" di silicio, disposti in una zona quadrata di di 6,4 millimetri di lato. La grande quantità di "piedi" ha portato gli ingegneri IBM a nominare il progetto Millipede. Il Millipede funziona riscaldando i bracci e facendoli poggiare su una superficie di polimeri, lasciando così un "segno" che rappresenta il bit. I piedini sono fissi, mentre la superficie si può muovere al di sotto di essi lungo i due assi x e y. Il composto polimerico su substrato di silicio costituisce il media di archiviazione mentre la parte superiore è costituita da una piattaforma con moltissimi "tips", che rappresentano una sorta di testine che muovendosi possono coprire tutta la superficie del media.
Il progetto è stato portato avanti soprattutto per coprire le esigenze attualmente soddisfatte dalle memorie flash come ad esempio fotocamere digitali, telefoni cellulari, lettori audio-video, ecc. Tuttavia se la tecnolgia dovrebbe dimostrarsi molto affidabile potrebbe essere utilizzata anche come sostituito per gli hard disk. Il progetto comunque è ancora in fase di sviluppo e ci vorranno almeno un paio di anni prima dell'avvento sul mercato.





Questo Articolo proviene da DemiSoft
http://demisoft.altervista.org/

L'URL per questa storia è:
http://demisoft.altervista.org//modules.php?name=News&file=article&sid=351